Subito il 5% di sconto sul tuo primo ordine

    

registrarsi alla newsletter conviene

STORIA DEL SUCCESSO MONDIALE DEI CAMION VOLVO

volvo-cover-bsp

L’attività della casa automobilistica svedese fondata a Göteborg Volvo Cars ha preso il via nel 1927 per iniziativa di Assar Gabrielsson e Gustav Larsson. La Volvo Car Corporation all’inizio faceva parte del Volvo Group. Dal 1999 il gruppo è stato a capo della Ford e in seguito è stato acquisito dall’impresa cinese Zhejiang Geely Holding.

Il marchio dell’azienda simboleggia il ferro e si riferisce alla resistenza dell’acciaio usato per la produzione dei veicoli. A questo fu aggiunta la linea diagonale che attraversa la griglia e indica il radiatore. Dopo un’iniziale focalizzazione su la produzione di automobili, il gruppo si è dedicato alla costruzione di veicoli industriali e oggi è il secondo produttore di camion al mondo. Nel 2001 ha acquisito il comparto costruzione autocarri della Renault e ha fondato la Renault Trucks.

LE PARTNERSHIP E L’ESPANSIONE DEL GRUPPO VOLVO

A partire dagli anni Sessanta l’attività dell’azienda si espanse con l’apertura di nuove fabbriche in altre nazioni. Presso la sede centrale di Göteborg si svolgono ancora prevalentemente le attività di sviluppo dei prodotti, di marketing e di amministrazione.

Nel 1975 la Volvo acquistò il comparto costruzione automobili della Daf e firmò una joint-venture con Peugeot e Renault per la realizzazione del motore PRV.

Nel 2012 l’ex presidente della casa automobilistica Man Håkan Samuelsson divenne presidente della Casa svedese.

La storia dei veicoli Volvo in Italia

La Motauto di Bologna, un’impresa privata, è stata la prima ad importare in Italia un’autovettura di questa marca e nel 1973 la Casa svedese rilevò la struttura fondando Volvo Italia. Nel 1975 questa si fuse con la Daf Italia. Nel 1999, quando Ford Motor Company acquisì la divisione auto di Volvo, il nome fu cambiato in Volvo Auto Italia.

L’Italia è il 4° mercato europeo di veicoli di questa marca dopo la Svezia, la Germania e l’Inghilterra. La rete di distribuzione comprende 65 concessionarie e 110 punti di vendita sul territorio nazionale.

Categorie